CuriositàParlano di noi

L’itinerario del 1483: in giro per il Veneto con la guida di Sanudo

L'Itinerarium

È l’autore della prima, più completa e bella guida di Venezia: un’opera completa che fa invidia ancora adesso a qualche editore. Aveva segnato tutto, dalle feste, ai posti dove mangiare bene, alle “becarie” dove comprare la carne buona, il nome di tutti i pesci e dei loro prezzi al mercato di Rialto; le casate, i costumi. Era il 1493. L’autore si chiamava Marin Sanudo, aveva allora 18 anni e scriveva in una lingua poco simile al dialetto di adesso che lui chiama “sermon materno”. Nella città capitale mondiale della stampa però non pubblicherà nemmeno una sua riga.

Adesso Sanudo è stato riscoperto – dopo i grandi lavori di stampa di Angela Caracciolo Aricò che ha ridato forma ai suoi “diari” – e soprattutto al suo nome uno studioso, Roberto Bruni è riuscito a collegare un “Itinerarium” che può diventare una delle perle del territorio Veneto. «E non solo – ha spiegato Bruni sabato scorso in un incontro a Soave – Noi lo riproponiamo con mezzi lenti e logici anche per la modernità» come cavallo e auto storiche, bicicletta o a piedi.

Il Gazzettino – Segue

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *